“L’internazionale” recensisce Lanimante

Una bellissima sorpresa! Pier Andrea Canei parla de Lanimante nella rubrica “Playlist”, pubblicata da Internazionale nel numero del 29 settembre 2017.

Dice:

“Dallo spazio profondo del modenese, ecco una band tra le più originali di questo elctro prog all’europea. La leadership al femminile (Meike Clarelli) a qualcuno potrebbe ricordare gli Üstmamò di Mara Redeghieri (che tra l’altro era ospite in un loro album precedente). Tra le inflienze ci sono anche i Portishead, ma a partire da queste coordinate bisogna ascoltarli con cautela, perchè nel loro nuovo album Lanimante seguono un percorso personale.
E anche quando prendono Un altro spritz non lo fanno da scrocconi ma da moderni ruminanit dell’esistenza.”

 

Pier Andrea Canei è un giornalista italiano-austriaco. Lavora a Style, il mensile del Corriere della Sera, e collabora con La Lettura e Io Donna. Scrive la rubrica “Playlist” per Internazionale

 

 

Lanimante recensito da DISTOPIC – music magazine

 

Non è facile inquadrare in uno scatto solo il sound di “Lanimante“.

Potremmo parlare genericamente di cantautorato, ma ci sono altre sfumature (sonore) che rendono la parte musicale ricca di fascinazioni: ci sono il jazz, il pop, un pizzico di elettronica, un cantato (educato) in italiano, voglia di sperimentare e un’atmosfera generale da club di gran classe. Forse sulle linee melodiche si è usato il braccino, nel senso che potevano essere “liberate” maggiormente, ma nel complesso il disco ha valore e soprattutto porta con sé in dote una buona dose di originalità. I testi sono profondi e scritti in punta di penna. Le sbavature sono pochissime e si arriva al termine dell’ascolto convinti di non aver sprecato il proprio tempo.

I brani migliori? Quelli che vanno fuori dal seminato e si prendono dei bei rischi, come “Ellittica” e soprattutto “Urlando i muri”.

 

Vai all’articolo completo >

“Ellittica” nella compilation con il meglio di settembre su Rockit.it!

La nuova Compila di Rockit: contiene i brani dai nuovi dischi di Giovanni Succi, Godblesscomputers, Odiens, A big silent elephant e molti altri.

Compilation di musica Italiana, Bella e Importante.
Eccola! Volume 92: settembre 2017

 

A cura di Pietro Raimondi
(https://www.rockit.it/user/PietroRaimondi)

foto di Ilenia Tesoro https://ileniatesoro.wixsite.com/portfolio
selezionata da Aurora Fotografi (https://www.aurorafotografi.com/)

Lanimante in anteprima su SENTIREASCOLTARE

Lanimante è il nuovo album dei La Metralli, in uscita per A Buzz Supreme il 15 settembre 2017. Il disco si muove tra un cantautorato evocativo che ricorda la produzione di Cristina Donà e un’elettronica-trip-hop jazzata che lavora sui bordi della melodia.

«Lanimante è una creatura che ancora vive in noi – si legge nelle note stampa – ultimo baluardo di umanità, al tempo stesso mostruoso e meraviglioso. Creatura in via d’estinzione che urla e sbeffeggia coloro che ubbidiscono ai “signori”, perdendo la propria umanità. Né uomo né donna, Lanimante è un animale umano senza provenienza, un viaggiatore senza patria e senza tempo. Lanimante ha un vuoto, uno spazio nel petto attraverso il quale può vedere il mondo non solo così come gli si presenta, ma anche attraverso i suoi occhi e la sua verità. Questo ultimo disco, a differenza dei nostri lavori precedenti, porta in sé una voce decisamente meno intimista ma più sociale, universale. Le sonorità elettriche ed elettroniche si accentuano».

L’album è presentato in anteprima esclusiva da SENTIREASCOLTARE. Potete ascoltarlo integralmente nella sezione widget di questa pagina.

di Fabrizio Zampighi

Tra le uscite autunnali secondo Rockit.it, c’è anche La Metralli ❤

I dischi che ascolterete al rientro dalle vacanze.

Che bella cosa le vacanze. Via dagli uffici, la fine della sessione d’esami, il viaggio di maturità. Mentre sarete ad ubriacarvi in qualche capitale europea o a mangiare pesce sul lungomare, qualsiasi siano i vostri gusti in fatto di vacanze, sicuramente ascolterete tanta, tanta musica. E al ritorno? Al ritorno ne troverete anche di più.

04/08/2017 — di Vittorio Farachi e Chiara Longo

Vai all’articolo >