“Ellittica” nella compilation con il meglio di settembre su Rockit.it!

La nuova Compila di Rockit: contiene i brani dai nuovi dischi di Giovanni Succi, Godblesscomputers, Odiens, A big silent elephant e molti altri.

Compilation di musica Italiana, Bella e Importante.
Eccola! Volume 92: settembre 2017

 

A cura di Pietro Raimondi
(https://www.rockit.it/user/PietroRaimondi)

foto di Ilenia Tesoro https://ileniatesoro.wixsite.com/portfolio
selezionata da Aurora Fotografi (https://www.aurorafotografi.com/)

Lanimante in anteprima su SENTIREASCOLTARE

Lanimante è il nuovo album dei La Metralli, in uscita per A Buzz Supreme il 15 settembre 2017. Il disco si muove tra un cantautorato evocativo che ricorda la produzione di Cristina Donà e un’elettronica-trip-hop jazzata che lavora sui bordi della melodia.

«Lanimante è una creatura che ancora vive in noi – si legge nelle note stampa – ultimo baluardo di umanità, al tempo stesso mostruoso e meraviglioso. Creatura in via d’estinzione che urla e sbeffeggia coloro che ubbidiscono ai “signori”, perdendo la propria umanità. Né uomo né donna, Lanimante è un animale umano senza provenienza, un viaggiatore senza patria e senza tempo. Lanimante ha un vuoto, uno spazio nel petto attraverso il quale può vedere il mondo non solo così come gli si presenta, ma anche attraverso i suoi occhi e la sua verità. Questo ultimo disco, a differenza dei nostri lavori precedenti, porta in sé una voce decisamente meno intimista ma più sociale, universale. Le sonorità elettriche ed elettroniche si accentuano».

L’album è presentato in anteprima esclusiva da SENTIREASCOLTARE. Potete ascoltarlo integralmente nella sezione widget di questa pagina.

di Fabrizio Zampighi

Tra le uscite autunnali secondo Rockit.it, c’è anche La Metralli ❤

I dischi che ascolterete al rientro dalle vacanze.

Che bella cosa le vacanze. Via dagli uffici, la fine della sessione d’esami, il viaggio di maturità. Mentre sarete ad ubriacarvi in qualche capitale europea o a mangiare pesce sul lungomare, qualsiasi siano i vostri gusti in fatto di vacanze, sicuramente ascolterete tanta, tanta musica. E al ritorno? Al ritorno ne troverete anche di più.

04/08/2017 — di Vittorio Farachi e Chiara Longo

Vai all’articolo >

 

la metralli 2016

Capodanno 2015-2016 | LA METRALLI

La Metralli – Mash up
D’arteria, #Back to Black, #Un niente di felicità, #Glory Box

Meike Clarelli (voce e bottoni)
Marcella Menozzi (voce e camera)
Davide Fasulo (voce e piatto)

#Capodanno
#2015
#2016
#happy2016
#Happy New Year 2016

“Scende la pioggia ma che fa, GIANNI, AUGURI più che mai!” (da La Metralli)

h. 22:39
Auguri Gianni!!!!

 

Scende la pioggia
(G. Morandi)

Tu nel tuo letto caldo
Io per la strada al freddo
Ma non è questo che mi fa triste
Qui fuori dai tuoi sogni
L’amore sta morendo
Ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia ma che fa
Crolla il mondo intorno a me
Per amore sto morendo
Amo la vita più che mai
Appartiene solo a me
Voglio viverla per questo
E basta con i sogni
Ora sei tu che dormi
Ora il dolore io lo conosco
Quello che mi dispiace
È quel che imparo adesso
Ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia ma che fa
Crolla il mondo intorno a me
Per amore sto morendo
Amo la vita più che mai
Appartiene solo a me
Voglio viverla per questo
Scende la pioggia ma che fa
Amo la vita più che mai

 

L’ultima recensione di “Qualche grammo di gravità”

Qualche grammo di gravità è un disco in cui prevalgono toni acustici e colori tenui, un lavoro che fa della leggerezza uno dei suoi tratti distintivi. Merito di arrangiamenti che mettono in risalto le grandi doti vocali della cantante e quelle tecniche dei musicisti, che senza esibirsi in inutili e sterili virtuosismi, rendono La Metralli una band che sfugge a qualunque catalogazione in generi musicali. Un talento da seguire con attenzione.

[Leggi l’articolo originale]

Visti la prima volta dal vivo al Premio Ciampi 2012, invitati a ritirare il Premio come vincitori dell’omonimo Concorso Nazionale, furono subito una vera sorpresa. Una voce splendida, quella di Meike Clarelli, capace di volare alto e toccare corde profonde, con una capacità di interpretazione notevole, sostenuta da musicisti tecnicamente perfetti ma non freddi nell’esecuzione, ne fecero uno dei momenti più interessanti di quell’edizione. Continue reading →